Vai al contenuto

Rischio idrogeologico

Per l'analisi del rischio idrogeologico, sono state prese in considerazione le aree perimetrate dall'Autorità di Bacino della Regione Puglia (Adb).

L'Autorità di Bacino con Deliberazione del Comitato istituzionale N°45 del 07/12/2012 ha approvato la modifica del PAI – Assetto Idraulico per il territorio comunale di Leverano, le modifiche apportate riguardano sia le aree a diverso grado di pericolosità idraulica in corrispondenza dell'area urbana e periurbana e di sia l'inserimento di nuove aree a vario grado di rischio idraulico.

Il PAI ha come obiettivo specifico l'individuazione delle aree a rischio frana e di alluvione e la previsione di azioni finalizzate alla prevenzione e mitigazione di detto rischio sul territorio. L’art. 36 delle NTA del PAI definisce le aree a pericolosità idraulica nel modo seguente:

  • Area ad alta pericolosità idraulica (A.P.): porzione di territorio soggette ad essere allagate per eventi di piena con tempo di ritorno inferiore o pari a 30 anni;
  • Area a media pericolosità idraulica (M.P.): porzione di territorio soggette ad essere allagate per eventi di piena con tempo di ritorno compreso tra 30 e 200 anni;
  • Area a bassa pericolosità idraulica (B.P.): porzione di territorio soggette ad essere allagate per eventi di piena con tempo di ritorno compreso tra 200 e 500 anni

L’art. 36 delle NTA del PAI definisce le aree a pericolosità geomorfologica nel modo seguente:

  • Area a pericolosità geomorfologica molto elevata (P.G.3): porzione di territorio interessata da fenomeni franosi attivi o quiescenti;
  • Area a pericolosità geomorfologica elevata (P.G.2): porzione di territorio caratterizzata dalla presenza di due o più fattori geomorfologici predisponenti l’occorrenza di instabilità di versante e/o sede di frana stabilizzata;
  • Area a pericolosità geomorfologica media e moderata (P.G.1): porzione di territorio caratterizzata da bassa suscettività geomorfologica all’instabilità.
Pericolosità idrogeologica
Pericolosità idrogeologica

Con riferimento al DPCM 29 settembre 1998 l'Autorità di Bacino ha inoltre individuato le aree a rischio in relazione agli eventi alluvionali e franosi, suddividendole in quattro classi in base all'incrocio del grado di pericolosità di una determinata area con gli elementi a rischio in essa presenti, quali agglomerati urbani, insediamenti, infrastrutture ecc.

Le classi di rischio individuate sono:

  • R1 – rischio moderato: per il quale i danni sociali, economici ed al patrimonio ambientale sono marginali;
  • R2 – rischio medio: per il quale sono possibili danni minori agli edifici, alle infrastrutture ed al patrimonio ambientale che non pregiudicano l'incolumità delle persone, l'agibilità degli edifici e la funzionalità delle attività economiche;
  • R3 – rischio elevato: per il quale sono possibili problemi per l'incolumità delle persone, danni funzionali agli edifici ed alle infrastrutture, con conseguente inagibilità degli stessi, l'interruzione di funzionalità delle attività socioeconomiche e danni rilevanti al patrimonio ambientale;
  • R4 – rischio molto elevato: per il quale sono possibili la perdita di vite umane e lesioni gravi alle persone, danni gravi agli edifici, alle infrastrutture ed al patrimonio ambientale e la distruzione di attività socioeconomiche.
Rischio idrogeologico
Rischio idrogeologico
Accessibilità